La semplice constatazione della situazione sociale, economico e culturale in cui ci troviamo deve indurre qualsiasi osservatore a comprendere che la classe politica che ci sta governando non è appropriata e sta dirigendo la Nazione nella pericolosa deriva rappresentata dal vuoto di ideali e dalla rassegnazione.

I cittadini non sono e non si sentono rappresentati, poiché non sono realmente rappresentati i problemi quotidiani di ognuno, la classe politica vive un distacco dalla realtà che la rende sorda ai lamenti e alla insoddisfazione complessiva  del popolo il quale, invece , dovrebbe esserne la base ed il nutrimento.

Difficile, in tale complesso quadro, decidere di affrontare una sfida politica nuova, avulsa da vecchi ideologismi ormai morti e sepolti con l’inizio del nuovo millennio, ma è necessaria nuova linfa alla vita sociale, nuove forze alla fragile e agonizzante democrazia  affinchè il nostro Paese possa avere un moto di orgoglio tale da far ritrovare la propria reale identità.

Se l’omologazione di Stati e popoli  ha fallito, se la globalizzazione ci è risultata nociva e venefica , altra soluzione non rimane che ritrovare la propria unicità ed identità , che tanto hanno dato alla Storia dell’umanità, e dalle proprie caratteristiche tanto uniche quanto preziose ripartire con una nuova idea di Italia. A tale scopo il primo passo è comprendere che occorre uscire dall’Europa ( come conosciuta fino ad ora), riappropriarci della nostra moneta, del nostro territorio, della nostra difesa, della nostra cultura anche in cooperazione con altri Stati, ma con la nostra indipendenza, ricordandoci come l’Italia sia uno stato Sovrano per il quale molte persone hanno perduto la vita.

Italexit nasce per dare voce a tale idea, può apparire animato da una visione utopistica , ma è rivolto a tutti l’invito a conoscere.    “Puoi credere di riuscire, puoi credere che non riuscirai mai, in ogni caso avrai ragione” ( E.Ford) noi crediamo di riuscire a creare una società migliore.

 

 

Erica Romani

Coordinatrice Italexit Reggio Emilia

Share This