Non promettiamo l’impossibile, partiamo con ciò che è possibile fare; di seguito sei punti di vitale importanza per la ripresa delle PMI italiane, il motore trainante della nostra economia:

1)Detassazione dell’utile  ovvero vista la pandemia sembra doveroso mettere nelle tasche dei piccoli imprenditori e medie imprese  più soldi in tasca. 

2) Fondo di garanzia di accesso al credito  per le imprese per garantire la liquidita aziendale (simile alla Confidi  che garentirebbe l’accesso a fidi e finanziamenti).

3)Detassazione per spese macchinari e in ricerca e sviluppo, il futuro si gioca qui per stare al passo con i tempi ed essere davvero competitivi.

4)Piano assicurativo, per copertura contro le insolvenze  dei clienti, per garantire gli incassi delle piccole e medie imprese verso i mancati pagamenti, annoso problema che ha fatto fallire la maggior parte delle aziende edili, le quali si sono ritrovate senza la liquidita per pagare  i durk , i fornitori  ecc.

5)Abolizione irap, una tassa rapina che colpisce  il costo del lavoro quindi chi piu assume, vergognoso.

6)Un patto tra l’amministrazione di Italexit e le PMI per creare figure professionali richieste dal mercato  riqualificando dei lavoratori giovani e meno giovani attraverso corsi mirati  e stage in azienda. Una volta formati  le aziende avrebbero risolto un grosso problema attuale, ovvero la mancanza di personale qualificato che non permette alle aziende di crescere e di strutturarsi.

Per noi di Italexit il futuro è nel LAVORO e di chi lo crea.

Mauro Capoluongo

Share This